Una giornata a Napoli

admin

17 Agosto 2017

Nessun commento

Cosa fare a Napoli

Centro storico. “Spaccanapoli” è il cuore della città antica, ricca di palazzi, chiese e monumenti. Il suggerimento è di lasciarvi guidare dalla vostra curiosità.  Dalla chiesa del Gesù Nuovo, al Monastero di Santa Chiara: ovunque andrete, troverete una sorpresa. Il Cristo Velato di Giuseppe Sammartino: questa scultura, definita da molti critici d’arte come la più bella mai realizzata, si trova all’interno della Cappella di Sansevero, dietro Piazza San Domenico Maggiore, in Via Francesco De Sanctis. Non lontano, in Piazza San Gaetano, si trova l’entrata di Napoli Sotterranea. Non perdevi una visita guidata nelle viscere della città per scoprire le influenze greche e romane, ma soprattutto per rivivere i tragici giorni della Seconda Guerra Mondiale, quando circa 40.000 Napoletani trovarono rifugio nel sottosuolo per sfuggire ai bombardamenti e alla rappresaglia tedesca.

Nei dintorni c’è San Gregorio Armeno, la strada dei pastori con le sue numerose botteghe dedicate alla famosa tradizione natalizia dei presepi. Questa strada e i suoi negozi possono essere visitati in ogni periodo dell’anno. La maggior parte delle botteghe sono sempre aperte con esposizioni ridotte al di fuori del periodo natalizio.

A questo punto, è necessario fermarsi e mangiare la pizza. Una delle migliori è quella di Gino Sorbillo, come alternative: Di Matteo o Da Michele a Forcella.

Il Museo Archeologico e il Duomo, la casa di San Gennaro. Per comprendere il legame viscerale tra i napoletani e il loro santo patrono, l’ideale sarebbe assistere al “miracolo di San Gennaro”, la liquefazione del sangue del Santo custodito all’interno di un’ampolla. L’evento, ricco di significato per i napoletani, si ripete tre volte all’anno: la prima domenica di maggio, il 19 settembre e infine il 16 dicembre.

Piazza del Plebiscito e Palazzo Reale. Piazza del Plebiscito è uno dei luoghi simbolo di Napoli. Si trova al termine di via Toledo e con i suoi 25.000mq è la più grande della città. Al centro si possono ammirare le statue equestri di Ferdinando I e di Carlo III ed è delimitata, da un lato, dalla basilica reale pontificia di S. Francesco di Paola e dal colonnato, mentre sul fronte opposto troviamo il Palazzo Reale, residenza storica dei viceré spagnoli per oltre centocinquanta anni. Nelle immediate vicinanze si trova l’ingresso principale della Galleria Umberto I e lo storico Caffè Gambrinus arredato in stile liberty.

Castel dell’Ovo e via Caracciolo. Dopo una passeggiata lungo via Caracciolo potrete visitare il Castel dell’Ovo, il più antico di Napoli. Sorge sull’isolotto di tufo di Megaride e nelle sue grandi sale ospita mostre, convegni e manifestazioni. Alla sua base si trova il porticciolo turistico del “Borgo Marinari”, ricco di ristoranti e bar, sede storica di alcuni tra i più prestigiosi circoli nautici napoletani.

Il Maschio Angioino o Castel Nuovo, è uno storico castello medievale e rinascimentale, nonché uno dei simboli della città di Napoli.